IL LAMENTO DI AMLETO

FB_IMG_1434970726550
G. Previati, Notturno, 1909

Dal cielo in caduta
la neve
sul campo non più santo
oggi maledetto perché tu non riposi
in pace da me ma in tormento.

Ofelia, fiore mio
copriranno un giorno le viole
questa culla rovesciata di terra
e canteranno lievi al vento
i “nontiscordardime” il ricordo
alla notte randagia come
la colpa che mi chiama.

Ofelia, nei millenni sarà giustizia
il nome tuo in contrappasso al mio
così che mai nessuna quiete
porterà l’eterno
al nostro perpetuo accaderci in destino
nel sacrificio che a me ti chiama.

Annunci